DERMATITE DA MALASSEZIA

La dermatite da Malassezia é una infezione causata dal lievito Malassezia pachydermatis. Questo lievito é normalmente presente sulla cute e nel canale auricolare di cani e gatti sani ed in presenza di malattie predisponenti si moltiplica e determina lesioni cutanee. Malattie allergiche (soprattutto la dermatite atopica), malattie ormonali, malattie sistemiche, errori gestionali ecc, sono tra le cause più comuni di sovracrescita dei lieviti e quindi di infezione nel cane. Raramente, come si osserva in periodi caldo-umidi ed in alcune razze predisposte, si osservano dermatiti da lieviti anche in assenza di una causa sottostante predisponente. Nel cane alcune razze sono geneticamente predisposte allo sviluppo di dermatiti da Malassezia e tra queste ritroviamo i West Highland White Terrier, gli Shih Tzu, i Basset Hound, i Bassotti, i Cocker Spaniels, ecc. I cani affetti da tale patologia presentano forte prurito, cute arrossata, grassa e ricoperta di croste giallastre emananti un odore definito di rancido. Le aree corporee maggiormente interessate sono le labbra, il muso, la regione periorbitale, la superficie ventrale del collo, le ascelle, l’inguine, l’addome e gli spazi interdigitali. L’otite da Malassezia è molto comune nel cane e spesso associata a malattie da ipersensibilità. I gatti sono raramente interessati e usualmente con lesioni più localizzate che interessano la regione preauricolare  e il muso. Forme generalizzate che interessano aree corporee molto estese devono far sospettare in questa specie gravi malattie debilitanti predisponenti come le malattie infettive o le neoplasie. La diagnosi si effettua rinvenendo i lieviti mediante l’esame citologico. La terapia prevede l’utilizzo, singolarmente o in associazione a seconda della gravità dell’infezione, di farmaci antilievito topici (lozioni, shampoo) o sistemici. Onde evitare continue recidive, è importante ricordare che la terapia per la dermatite o per l’otite da Malassezia, prevede anche la ricerca, e la conseguente risoluzione, della patologia sottostante predisponente.

« Torna all’elenco